Prosecco e Aperol, sembra ovvio oggi. Ma la storia delle origini dello spritz non è così semplice.

Nasce nell’ottocento in Veneto, figlio delle scappatelle in osteria delle truppe di occupazione asburgiche. I soldati austriaci infatti, depressi e lontani da casa, cercano conforto nelle taverne locali ma non sono granché come bevitori: hanno poca memoria per i nomi dei vini e ancora meno gambe per reggerne l’alcool.

Ci vuole l’ingegno degli osti veneti per sistemare le cose.
Si inventano una ricetta semplice: un po’ di vino per il sapore, un po’ di bollicine per le risate, e un nome facile, che capirebbe anche un asburgico: spritz.

Nasce lo spritz liscio, un drink piuttosto pallidino, rispetto a quello di oggi. Ci vorrà qualche anno prima che arrivi Aperol a dargli un po’ di colore sulle guance. Aperol Spritz diventa così lo spritz con la A maiuscola.

Sulle dosi decide il barista di casa: se è di Padova, aspettatevi “una botta” di Aperol, se siete a Treviso o Venezia, più probabilmente “uno schizzo”.

Mixato e pronto al successo, Aperol Spritz arriva fino in America.

La sua consacrazione al cinema è “Mi presenti i tuoi?”, con Robert De Niro e Dustin Hoffman. Hoffman si avvicina a De Niro e, invece del solito Tom Collins, gli offre un Aperol Spritz con tutti gli attributi.

Discover more inspiring photos like this one.

Download the FREE 500px app Open in app