Save 15% on Awesome and Plus accounts now! Upgrade now

Francesco Cabras

Francesco Cabras is a photographer and director based in Roma, Italy. You may also find more details and samples of his works in these links:
https://www.flickr.com/photos/scrapsfrancescocabras/sets/
www.youtube.com/user/TheGangaTube/featured
www.imdb.com/name/nm0127768/
PHOTOGRAPHER, VISUAL ARTIST
Francesco Cabras started to write and to photograph professionally in 1986 as collaborator of Italian rock music magazines. He started to travel and live extensively in Asia, Middle East and Latin America becoming a reporter of cultural, environmental, travelling and social issues. His articles (text and pictures) have been published by major italian press (such as Airone, Avvenimenti, L’Europeo, La Repubblica, Isole, D-Donna, Gioia, Il Manifesto, Panorama, L’Espresso, Nuova Ecologia, Master Viaggi, etc). In 1995 he is the second journalist in the world to interview peace Nobel Prize winner Aung San Suu Kyi right during her home arrests in Rangoon. Since then he started a collaboration with Greenpeace which stands up to now. As photographer he did also several music CD covers and booklets (Al Di Meola, Nada, Sergio Cammariere, etc), and realized human right campaigns for NGO’s as ‘Un ponte per Baghdad’ and ‘Terres des Hommes’. As a writer his fairytale ‘L’isola della Cquorina’ gains the ‘Andersen’ and ‘Chatwin’ prizes and it is published in the ‘Bruce Chatwin’ anniversary Moleskine notebook 2007. He wrote contributes and chapters for guidebook on India, Burma and Amsterdam (Moizzi, Ram editors). Cabras currently dedicates his work as a photographer only to personal research, fine art and expositions. With Alberto Molinari co-direct visual art works for art channel Sky Cult Tv among which 'Paleoliche' gains the first award at Roma videoart 'Festarte' letting enter Cabras in 'Young Blood', the prestigious publication of italian artists awarded in the world. Their work becomes the promotional art film used by Greenpeace for the wind energy campaign. ‘Gente che conta’, another visual installation is displayed at 'Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci di Prato'.
His work as director, writer, DP and producer can be followed here www.imdb.com/name/nm0127768/
PERSONAL EXIBITIONS:
‘SCRAPS' Quello che resta’ (Istituto Italiano di Cultura Bruxelles giugno 2014, Galerie Mirafiori, Mirafiori Motor Village, Torino, 13 febbraio – 13 marzo, 2014, Crossroads Gallery Capalbio, Sestri Levante Palazzo comunale, Pisa Spazio Urma)
‘URBAN ICONS. The Democracy of The Wall’ (Raffaella De Chirico Arte Contemporanea, Torino, 3 ottobre – 29 novembre 2013)
‘BDSM. TECNICHE DI CONSOLAZIONE’ (De Chirico & Udovich Contemporary, Milano, 5 novembre – 22 dicembre, 2013)
‘MEMORANDA’ (Roma Istituto Geografico Italiano/Isiao Istituto Italiano per l’Africa e l’Oriente, Milano open air, Frosinone Palazzo civico)
‘FACES’ personal exhibition (Roma, Goa club) 1998
‘Massagrigia’ collective exibitions (Roma, different locations) 2004
GENERAL BIO
Francesco Cabras has a degree in Psichology. Born in 1966, at 19, right after the high school he started to travel extensively as photographer and journalist living and working especially in asian, middle east and latin american countries. In 1999 he has founded in Roma the independent production company ‘GANGA’ with which he has realized most of his works as director, author, producer and director of photography. He realizes several music videos for some among the most popular italian pop stars, feature documentaries, video-art works and commercials. His works gain many international prizes and selections in several festivals among which: AFI Los Angeles Film Festival, Bangkok International FF, Hong Kong Jumping Frames FF, Jerusalem FF, Torino FF, Sun Valley FF, Moskow FF, Grammy Latino, Dhaka Film Festival award and many more. Most of his authorial work as director is shared with co-director, co-producer and co-DOP Alberto Molinari, co-founder of Ganga production together with editor and colorist Francesco Struffi.
Francesco Cabras Bio Italiana
Francesco Cabras è un regista e fotografo italiano. Inizia a fotografare e stampare in camera oscura a undici anni. A venti, insieme alla laurea in psicologia inizia a lavorare come giornalista e fotografo di viaggio, ambiente, musica rock e cinema per molte testate italiane (L’Europeo, L’Espresso, Avvenimenti, D-Donna, Isole, Linus, Rock Magazine, Tuttifrutti ecc..) trascorre lunghi periodi in Asia realizzando reportages, lavorando come guida di viaggio e occupandosi di turismo sostenibile. Realizza come fotografo e regista campagne umanitarie per le ONG 'Un Ponte per Baghdad', 'Terres des Hommes', e per l’Ifad. Copertine di dischi (Al Di Meola, Sergio Cammariere, Nada, Claudio Lolli, Andrea Parodi, Luca Madonia ecc). Espone in mostre personali e con il collettivo ‘Massagrigia’ (dettagli mostre in coda). Come inviato per Greenpeace si imbarca più volte sulle navi dell’associazione ambientalista documentando campagne e azioni. E' co-autore di guide su India, Amsterdam e Birmania. Nel ’96 riesce a intervistare il futuro premio Nobel per la pace Aung San Suu Kyi agli arresti domiciliari a Rangoon. La sua favola 'L'isola della Quorina' vince il premio letterario internazionale Andersen e viene pubblicata nell'edizione speciale delle agende Moleskine dedicata a Bruce Chatwin. Più recentemente è autore di un capitolo del volume di Eleonora Bagarotti ‘Tommy, The Who’ Noreply edizioni.
Fonda la società di produzione ‘Ganga’ diventando regista e specializzandosi in videoclip musicali, documentari di creazione, visual art e pubblicità. Con Alberto Molinari realizza in co-regia e co-direzione della fotografia la maggioranza dei suoi lavori molti dei quali selezionati e premiati in festival internazionali (IDFA Amsterdam, Sun Valley Idaho FF, AFI Los Angeles FF, SilverDocs, Jerusalem FF, Bellaria FF, Torino FF, MEI ecc..). Tra le diverse produzioni, videoclip per alcuni tra i maggiori musicisti italiani (Max Gazzè, Caparezza, Sergio Cammariere, Giorgia e Nada).
Tra i documentari lungometraggi 'The Big Question' viene prodotto da Mel Gibson e distribuito nei cinema statunitensi da ThinkFilm attraverso l’agente di Michael Moore Andrew Herwitz diventando il primo documentario lungometraggio distribuito nei cinema Usa. Ha realizzato programmi e documentari per la RAI e la Sette tra cui ‘LeggerMente’ in co-regia con Mario Balsamo, e due episodi monografici di ‘Sfera’ sull’India. Sempre con Molinari dirige per CULT TV di Sky un ciclo di opere di visual art, tra questi 'Paleoliche' vince il festival di Festarte includendo Francesco Cabras in 'Young Blood', la pubblicazione dei talenti italiani premiati nel mondo, l’opera viene utilizzata da Greenpeace per la campagna nazionale pro-energia eolica. Un altro ciclo di videoarte, ‘Gente che conta’, viene inserito nel Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci di Prato e nella retrospettiva ‘La via sperimentale del cinema italiano’ nella 49° Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro. Dirige la messa in scena teatrale e video opera ‘Terracuzatò’ per il Teatro Lirico di Cagliari con la cantante Noa e Andrea Parodi. Realizza per Al-Arabiya una serie di documentari sul Kurdistan iracheno e sulla Sardegna. Di più recente uscita, ‘The Akram Tree’ , un documentario sul coreografo Akram Khan e, ‘Morocco Fantasia’, sul chitarrista Al Di Meola. Attualmente sta ultimando un documentario girato nella Libia post Gheddafi e un altro sulla pesca sostenibile in Sardegna.
Saltuariamente passa dall’altra parte della macchina da presa, vince il premio come migliore attore protagonista al Sacher Festival di Nanni Moretti con ‘Cosmos Hotel’ di Varo Venturi. In seguito recita in produzioni internazionali come ‘The Passion of the Christ’ del premio Oscar Mel Gibson, ‘Il mandolino del Capitano Corelli’ del premio Oscar John Madden, ‘Equilibrium’ di Kurt Wimmer, 'The Obscure brother' di Linda de Franco. E’ protagonista di ‘Rasputin’ di Louis Nero. Cabras è autore di testi di canzoni tra i quali il triplo disco di platino 'Tre parole' e sta registrando un album insieme al suo gruppo i ‘North Sentinel’.

  • 59 Affection
  • 2,255 Photo Views
  • 11 Followers
  • 27 Following
  • Roma, Italia