Limited time only: Get pro member benefits for less than $5/month. Access Classes, Stats, Priority Directory listing and more!Upgrade now
Giorgio Dalvit

Giorgio Dalvit

29301

Affection

Views
Likes
Comments
474K
29.7K
6389
Hi guys! I am Giorgio and I am a chef; I live in this beautiful country named Trentino, wich offers marvellous opportunities to take a lot of wonderful pictures of the nature, the architecture and the culture of this land. I’ve been devoting myself to photography for a few years and I try to do my best combining my job with this amazing passion. I always take my camera -my “friend”!!- with me, so I have a lot of occasions to take many Many pictures and to share my emotions with all of you. I am convinced that photography in general is one of the best way that people have to convey their own emotions!!!
  • Nikon d700
  • Nikon d800
  • Nikon d810
  • Nikon 70-200mm f/2.8 VR
  • Nikon 105mm f/2.8 VR
  • Nikon 50mm f/1.8 D
  • Nikon 24-70mm f/2.8 FX AF-S G ED
  • Nikon 14/24mm f/2.8
  • Flash nikon speedlight sb800
  • Lee filter Kit
  • Tripod Manfrotto 190xprob 498RC4 Midi Ball Head with 410PL QR Plate

THE CIRCUS

Published February 9th, 2013

The circus

Read More →

Wedding of Jessica and Sergio

Published November 18th, 2012

22 sept 2012

Read More →

Le Dame di Andraz

Published July 15th, 2012

Castello di Andraz, Livinallongo del Col di Lana Fodom

Una lunga storia da raccontare...

Un primo documento certo che parla della zona del Col di Lana e Livinallongo è del 1005 nel quale risulta appartenere alla contea della Pusteria. Tuttavia tracce e reperti attestano che la frequentazione del luogo si perde nella notte dei tempi, come testimoniato anche dal non lontano sito archeologico del Mondeval e dai forni fusori proprio presso il masso del castello.

Con ragionevole certezza un castello esisteva già prima del 1027 quando Corrado II il Salico dona ai Vescovi di Bressanone un vasto territorio tra Livinallongo e Colle Santa Lucia (nome recente raggruppante alcuni paesotti a sede comunale), ma non il castello e le sue pertinenze. Si ipotizza un castelliere o un mansio di fattura tardo-romana e la riedificazione, poco prima del 1000 (dopo le successive ondate barbariche che sicuramente hanno distrutto il preesistente manufatto), ad opera di una potente famiglia locale, i Pouchenst ...

Read More →