Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai a: navigazione, cerca

Il bacaro (pron. bàcaro) è un tipo di osteria veneziana semplice, dove si trova una vasta scelta di vini in calice e piccoli cibi e spuntini. Il nome bacaro viene dai "bacari" (singolare: bacaro), un termine, che a sua volta deriva dal "Bacco", dio del vino. Secondo un'altra teoria deriva da "far bàcara", espressione veneziana per "festeggiare".[1] "Bacari" si chiamavano una volta dei vignaioli e dei vinai, chi venivano a Venezia con un barile di vino a venderlo alla Piazza San Marco, insieme con dei piccoli spuntini. Il bicchiere del vino che si beveva, si chiamava "ombra", perché i venditori del vino seguivano l'ombra del campanile per proteggere il vino dal sole. Per evitare il trasporto faticoso ogni giorno, si cercava in seguito un locale fermo, che si usava come magazzino e come mescita.

Sono tuttora presenti a Venezia esempi di questi locali. Uno dei più famosi è il "do Mori", un bacaro vicino al mercato del pesce presso Rialto. Il locale esiste dal 1462 e leggenda vuole sia stato frequentato da Giacomo Casanova. Modernamente ha assunto il nome Cantina do Mori, ma mantiene la tradizione di servire ombre e "cicchetti" (antipasti) rigorosamente in piedi. [2]

Alcuni bacari sono frequentati da turisti, ma ve ne sono altri, più nascosti nei piccoli vicoli, che sono frequentati da Veneziani a cui piace fare il "giro d'ombra", che vuol dire andare al bacaro, trovare degli amici e bere un "ombra".[1] Il vino della casa si chiama sempre "ombra"; al bacaro non si trova solo del vino semplice ma anche una grande scelta dei vini di alta qualità, talvolta a buon prezzo.

Tradizione in voga tra i pensionati soprattutto a Cannaregio è fare il giro dei bacari partendo dal ponte delle Guglie e arrivando fino a Santi Apostoli.

Discover more inspiring photos like this one.

Download the FREE 500px app Open in app